Tu sei qui:

OSPEDALE DELL’ANGELO DI MESTRE (VE)

In soli 4 anni è stato realizzato il nuovo Ospedale di Mestre, esempio di innovazione architettonica e di efficienza tecnica, per il quale STEAM ha progettato l’intera rete di impianti meccanici.

L’ospedale ha visto la nascita di un polo tecnologico per cui STEAM ha previsto l’installazione di tre centrali che governano gli impianti meccanici, a partire dal riscaldamento, condizionamento dell’aria e fornitura di acqua calda e fredda.

Date le richieste elevate e simultanee d’energia termica ed elettrica che si possono avere in un complesso ospedaliero come quello in oggetto, la scelta di STEAM di progettare un impianto di cogenerazione è stata una soluzione estremamente valida di risparmio energetico e conseguentemente economico, con un impatto ambientale ridotto.

Per quanto riguarda l’impianto idrico, è stata prevista una centrale che acquisisce l’acqua direttamente dall’acquedotto e la distribuisce dopo averla trattata con fasci di raggi ultravioletti e sottoponendola a periodici shock termici per eliminarne impurità e batteri. Sono state progettate inoltre una centrale termica dove sono installate tutte le apparecchiature necessarie per la produzione dell’acqua surriscaldata e del vapore “industriale”, rispettando appieno le normative antincendio e di sicurezza e rendendo agevoli le operazioni di manutenzione e gestione e una centrale di refrigerazione che produce acqua fredda che viene inviata alle due sottocentrali che provvedono al ricambio e al trattamento dell’aria suddivisa per aree ospedaliere.

Accorgimenti tecnici del team STEAM hanno assicurato anche una mitigazione del livello sonoro delle apparecchiature che provvedono al ricambio e al trattamento dell’aria, localizzandole con accuratezza e impiegando antivibranti e attenuatori sui condotti.